Contacts Links Photos Interviews Discography Biography Home


[ Interviste / Interviews ]

Intervista a GIUSEPPE VERTICCHIO/NIMH a cura di Roberto Mandolini
Pubblicata su Rockerilla N. 338, 15 Ottobre/15 Novembre 2008

www.rockerilla.com

R.: Giuseppe Verticchio ci parla del suo ultimo bellissimo disco.
"The Unkept Secrets" è un disco incredibile: tra i più psichedelici nel mondo della "dark ambient".
A chi ti ispiri? Sembrerebbe Steve Tibbets e anche Dirk Serries...

G.: In realtà non mi ispiro in modo specifico a nessun artista in particolare, e credo sinceramente che questo tutto sommato sia il maggior pregio del mio "modus operandi" quando faccio musica, giacchè mi consente di ricercare ogni volta una mia personalissima "formula sonora" poco confondibile con quella di altri artisti e quindi di risultare, almeno in una certa misura, abbastanza "originale"... Quanto invece a influenze... direi che ce ne sono tantissime! Praticamente in qualche modo quasi tutto ciò che ho ascoltato e apprezzato negli anni in ambito ambient-sperimentale mi influenza tutt'ora quando suono e compongo musica... Ma non ho però un riferimento o un modello preciso e specifico cui ispirarmi, se questo è ciò che mi chiedevi...

R: L'ultima traccia del disco è dedicata a Terzani: lo hai mai conosciuto?

G: No, ma mi avrebbe sicuramente fatto piacere...

R: Strano, perchè spesso viene associato ad un modo di pensare new age lontano anni luce dal tuo modo di assemblare i
suoni e trattare le idee...

G: In realtà Terzani è una persona, uno scrittore e un pensatore assolutamente al di fuori della "massa", che apprezzo e stimo da molti anni, semplicemente perchè, leggendo i suoi libri, trovavo curiose coincidenze tra il suo modo di pensare e il mio che nella vita non mi è quasi mai capitato di riscontrare con altre persone, amici cari compresi...
Hai presente quando hai in mente alcune idee, o modi di pensare su determinate cose che la gente considererebbe folli, e che sei assolutamente certo nessuno condividerebbe, e poi invece trovi d'improvviso qualcuno che la pensa esattamente come te e che ha avuto l'occasione e il coraggio pubblicare in forma scritta attraverso dei libri?
Con questo non voglio dire che condivido tutto il "Terzani pensiero", ma lo apprezzo lo stesso molto come persona e come scrittore, e ho trovato sorprendenti analogie tra quanto lui ha spesso scritto, e quanto io avevo da sempre già pensato prima che lui ne scrivesse...
Purtroppo Terzani è diventato parecchio noto soltanto dopo essere morto, perchè molta gente lo ha conosciuto solo superficialmente, solitamente solo attraverso l'ultimo libro che ha scritto prma di morire, ed è rimasta (scioccamente) colpita e affascinata solo dal suo aspetto un po' "mistico" e dal suo parlare in tema di morte, vita, religione...
Ma Tiziano è in realtà lontano anni luce dal pensiero e dall'universo New Age e dintorni, è stato sempre un pensatore libero e una persona molto con i piedi per terra, pur non disdegnando, nella sua lunga e avventurosa esperienza di vita, di conoscere e confrontarsi con gli aspetti mistici e religiosi della vita e della morte...

R: Mi spieghi come mai nel tuo precedente album hai omaggiato la Tailandia? Ci hai vissuto?

G: Si, la frequento fin dal 1987, lì ci vive mio fratello da circa quindici anni , e nel 1996 ho vissuto per quasi un anno intero da quelle parti, sull'isola di Koh Samui....

 

<<< BACK