Contacts Links Photos Interviews Discography Biography Home


[ Recensioni / Reviews ]

AMON / NIMH: Sator (CD 2007 - Eibon)

L'universo dell'ambient e della musica sperimentale è sterminato. Ma se ne parla molto poco, e si conosce la scena anche meno. Ed è facile perdere dischi importanti se non si frequentano canali privilegiati, quantomeno settoriali. Il caso di dischi importanti che dovrebbero esulare da un contesto specifico è proprio "Sator". Nato dalla collaborazione tra due artisti nostrani ben noti alla scena, Amon (Andrea Marutti), storico progetto di dark-ambient, e Nimh (Giuseppe Verticchio), è un'affascinante discesa nelle cavità più profonde della terra. E' la riproposizione di un abisso, delle viscere, di un assordante sprofondare verso il non conoscibile, verso il mistero ancora irrisolto del quadrato magico del Sator. Formato da cinque parole di cinque lettere sovrapposte - ROTAS/AREPO/TENET/OPERA/SATOR - è sicuramente la struttura a palindromi più nota della storia. E cinque sono i brani presenti nel disco che ripropongono come titolo i cinque palindromi. Qui si scava a fondo attraverso synth, tools, sequencer, effettistica e molto altro ancora. Una ricerca che sembra voglia afferrare perlopiù l'effetto piuttosto che capirne la causa. Sonorità oscure, maree e flussi in perpetuo movimento, lentamente, che scandagliano singolarmente ogni elemento chimico che compone la sostanza. Chirurgicamente. "Sator" è un viaggio rituale più che un disco nel senso letterale del termine, e come tale fa fatica a rimanere inciso su di un supporto perché ogni volta che si attiva scopre una dimensione diversa dalla precedente. Un relativismo irrequieto che non trova motivo specifico di esistere neanche nell'ambiente in cui si muove. Perennemente distorto e dilatato. Come le molteplici interpretazioni date al quadrato nel corso degli anni, senza che si raggiungesse mai un'analisi definitiva e comune. E come tutte le cose che non hanno una definizione, di cui non se ne conosce lo scopo, anche "Sator" conserva il suo fascino esplorativo ad ogni ascolto. Un viaggio lungo le strade dell'indefinibile dove nessun valore è assoluto, ma tutto, ogni cosa, ha motivo di esistere.
- Andrea "Emo" Punzo - Hardsounds

In a spirit of experimentation: The nightly visions turn humane. Can there be a thing like a playful Dark Ambient album? The relaxed mood in which “Sator” came into existence certainly already reveals quite a bit about its content. Afe Records founder Andrea Marutti initially met up with Giuseppe Verticchio of Nimh to simply record a few tracks together. The mood in the studio and the pleasant nature of their interaction meant that they ended up with two album’s worth of material, the first of which is now being released on Eibon Records. Of course, the result is still dark and somber. But underneath the heavy moods, the spirit of experimentation and the joy of working on something which opens in every direction imaginable is immanent. This is all the more welcome as Dark Ambient, despite all of its promises and potential, has become something of a dead end of lately when it comes to finding new modes of expression. The goal has been more in refining what has been achieved (which is quite a bit, as it has greatly matured from its crude beginnings) than in taking things to a new level - or at least in trying to find a distinctive voice of its own. That “Sator” would be a more individual affair was kind of clear right from the start. Marutti has built up Afe as an imprint which focuses on quality rather than clear-cut genres, even allowing his releases to stray into rhythmical territory occasionally and preferring multi-faceted artists over stereotypical ones. Already the long list of instruments used for “Sator” points to a poly-tentacled approach, in which synthesizers, sequencers and samplers are merely one of the components in a setup including e-bow guitars, field recordings, metals and objects, tapes and a Russian Box Zither. A lot of this colourful equipment is actually treated to a degree that their original sound properties blend into the mix, leaving only faint traces - but always enough to make the nightly visions turn somewhat more humane and rich in texture. In the same degree, special care has gone into the arrangements, which take the listener through various mental states and through different stages, never ending at the same place where they began their journey. While the opening “Rotas” is still a greyish mass of monochromatic reverberations and high-pitched streaks of light, already the second track, “Opera” transforms into a vaguely rhythmical and mysteriously occult offering with discreet cymbal drones and metallic chimings. Going from there, languid melodies try to fight their way through tectonic plates, electric chirping melts with futuristically-symphonic ambiances, sweet motives are slowly buried underneath sonic rubble and muffled voices merge into moments of spaceous clarity. Marutti and Verticchio (as well as their regular third collaborator Daniela Gherardi) have concentrated on a select amount of tracks for each title, which makes them all the more organic. It is also a statement of intent. Instead of clustering their pieces with endless lines of manipulations in order to lend them a superficial deepness, they have allowed them to remain open, giving the listener the chance to fill in the gaps with his imagination. Maybe “playful” is not really the correct term for this atmospheric and dense work. But it is certainly one which uses the elements of the Dark Ambient genre and shuffles them around with all the respect in the world yet in a mood of trying out different things.
- Tobias Fischer - Tokafi

This could be the real clash of the titans of dark ambient and you just need a sight to their individual discography and it will tell you more than any word I can write. Even if both Marutti (Amon/Never Known, headchief of Afe records) and Giuseppe Verticchio (Nimh) in the recent past have put out many material that's not strictly dark ambient, here they do what you probably can expect from such an odd pair. Hence, "Sator" begins with a "concrete" monumental drone that scares the shit out of the listener as to say ambient can still be heavy as fuck. The matter of the release but also the sound choice of this collaboration reminded me of an old Grinzich/Nehil joint ventures but way more reverberated and dark. The funny thing is that somehow I got the impression Nimh as been "Amonized", I can't say that firmly but sure while listening I've found many traces of Marutti's "heavy" hand on the crime scene. Probably that's just a suggestion since what I can guess they simply mixed the most obscure and intimist aspect of their individual personalities finding a common ground they could share for this opus. There's an abundance of delays/reverbs and a copious use of keyboards even if in some passages they left them still intelligible but not without burying it under a heap of thick low noises/echoes leading in the mid of the dark pool. While the first three tracks of this output present a framework mainly based on delayed-noises, the dronical-essence rears it's ugly head just with the fourth "movement" of this cd and it lately disappears in a "freaky-post-krautian-Schultzesque" sad "sauce" (yes, dark freaks have a safe ground to walk upon). With the closing chapter of this book arrives my favorite one: dark ambient in full effect that all of a sudden fades into a quiet mechanical drone and into a rarefied paste made out of bells? voices?…anyway, it will blows you brain and resistance out for sure. A first class recording/package complete this good release, the only things I ask myself is what if it would have been a bit shorter, but you know many artists doing this kind of things want to test the guts and the balls of their listeners, "will you dare to take the whole trip?". If you're into dark ambient at the edge with some post industrial landscape here's a journey you can definitely take.
- Andrea Ferraris - Chaindlk

Questa potrebbe essere uno scontro fra titani della dark ambient, e basta un'occhiata alla loro discografia individuale per saperne di più di qualunque cosa possa scrivere. Anche se sia Marutti (Amon/Never Known, responsabile della Afe Records) che Verticchio (Nimh) hanno fatto uscire dei materiali non prettamente dark ambient, qui fanno quello che vi aspettereste da un'accopiata così sinistra. Così Sator inizia con un drone monumentale di cemento che spaventa l'ascoltatore, come a dire che l'ambient può ancora essere pesante come la morte. Il materiale del disco, ma anche la scelta sonora, mi ha ricordato una collaborazione fra Grinzich e Seth Nehil, ma molto più reverberata e più oscura. La cosa divertente è che ho quasi avuto l'impressione che Nimh si fosse “Amonizzato”, non posso dirlo fermamente ma ascoltandolo ho trovato molte tracce della mano pesante di Marutti sul luogo del delitto. Probabilmente questa comunque è solo autosuggestione, dato che da quel che posso immaginare hanno semplicemente mixato i lati più oscuri delle loro personalità trovando un terreno comune su cui procedere per quest'opera. C'è una grande abbondanza di delay e riverberi ed un uso copioso di tastiere anche se in alcuni passaggi le hanno lasciate ancora intelleggibili, ma non senza averle prima seppellite sotto un ammasso di spessi rumori bassi ed echi che portano nel mezzo della pozza nera. Mentre le prime tre tracce di quest'uscita presentano una struttura basata su suoni effettati, l'essenza “dronica” di questo CD mostra il suo volto duro con il quarto movimento, e dopo scompare in una salsa depressa "freak-post krautiana-Schultzesca" (sì i darkettoni freak troveranno pane per i loro denti). Con il capitolo conclusivo di questo libro arriva quello che forse preferisco: dark ambient in "full effect" che tutto ad un tratto svanisce in una pasta rarefatta prodotta da campane?...voci?...ad ogni modo, spazzerà via sicuramente il vostro cervello e la vostra resistenza. Una confezione di prima classe completa questo bel lavoro, l'unica cosa che mi chiedo è come avrebbe reso se fosse stato poco più corto, ma credo che sappiate quanto musicisti che fanno musica come questa vogliano mettere a dura prova fegato e coraggio dei loro ascoltatori, "Avrete il coraggio di seguire tutto il percorso?". Se siete nella dark ambient al limite con alcuni paesaggi post industriali qui c'è un viaggio che potete sicuramente intraprendere.
- Andrea Ferraris - Chaindlk

“Sator” è composto di 5 tracce monolitiche che spaziano dai 10 ai 18 minuti circa, intitolate coi nomi dei 5 palindromi del suddetto quadrato; tutti i brani sono incentrati su drones ossessivi e prolungati, samples rielaborati in studio e synths, e tra tutta questa elettronica svetta un uso particolare delle chitarre, difficilmente riconoscibili tanto è forte la distorsione e la scarnificazione del suono nelle tracce 1 e 5. L'ossessione alla base di ogni brano, l'oscura insistenza di rumori sulfurei, con echi che riconducono alle prime release della Cold Meat Industry, è legata a doppio filo a motivi alchemico-ritualistici che ricordano gli esordi dei maestri Ain Soph, sicuramente rivisti in chiave più innovativa e tecnologicamente avanzata. Il momento più emozionante rimane la fase finale di “Arepo”, in cui un tenue motivo trionfante svetta su una pioggia di rumori metallici e ancestrali. Musicalmente “Sator” è un viaggio nelle viscere della terra alla scoperta di segreti che nascono dall'uomo ma ne superano le capacità basilari, il tutto incentrato sulla creazione di un'atmosfera terrificante, memore forse della lezione impartita in lavori come “Dogs Blood Rising” dei Current 93. Eccellente la confezione, quadrata (guarda caso!), che riproduce in piccolo le fattezze delle vecchie copertine apribili dei vinili, con annessa copertina interna. Disco consigliato agli inossidabili fans della dark ambient (che lo apprezzeranno senz'altro) e a chi ha intenzione di fare o simulare qualsiasi tipo di torbido rituale (non sto scherzando!).
- Michele Viali - Darkroom

As unprofessional as it may sound, sometimes a review can almost write itself. Take two of Italy's most talented (and meticulous) ambient projects, Andrea Marutti's Amon and Giuseppe Verticchio's Nimh, let them play, edit and mix for several months, and have the end result released on a quality label like Eibon... Still, while undoubtly being what one could expect in terms of genre (i.e. dark drones), the work reveals how this has been a true, intense collaboration, not just a swapping of files or discontinuous jamming. Played with a variety of instruments (synths of course, e-bow guitars, ring modulator, field recordings, zither, tapes...), and featuring Verticchio's wife, Daniela Gherardi, as an important guest musician on three out of five tracks, "Sator" begins with the expected "smooth" cosmic drones, but later on (especially in tracks 3-5) incorporates a more varied sound palette. Listen for example to "Tenet", where a dysmal melody of bowed guitar strings strives to float above a sea cavernous drones, or to the looser noises and frequencies streaking the final piece, "Sator". A monolith in terms of quality, density and length (75'), but luckily a wisely crafted and detailed audio experience.
- Eugenio Maggi - Chaindlk

Dopo quella con Maurizio Bianchi, il progetto Nimh viene coinvolto in una nuova prestigiosa e interessantissima collaborazione. Giuseppe Verticchio ha condiviso, infatti, con Andrea Marutti - autore di molti fondamentali lavori sotto moniker differenti, tra cui Amon e Never Known - un periodo di intenso lavoro per la realizzazione di queste tracce, che hanno richiesto anche alcuni giorni di registrazioni ambientali. Queste ultime sono state effettuate in gran parte in Abruzzo, in un sito che ha ispirato profondamente il concept dell'album, principalmente basato sul "magico quadrato del Sator", struttura palindromica presente in tutta Europa. Non trattandosi di un CD split nel senso canonico del termine, le composizioni - frutto dell'equilibrata partecipazione dei due i membri - hanno assorbito qualcosa dello stile di entrambi, senza per questo essere immediatamente ricollegabili al sound di uno o dell'altro, ma sintetizzandone piuttosto l'esperienza. Chi conosce già i lavori di questi autori potrà quindi capire come ci si trovi di fronte ad una dark ambient espressa ai massimi livelli, resa tale da un oculato utilizzo di drones, samples e field-recordings e, ovviamente, dalla grande qualità degli stessi. L'ascolto dei cinque complessi brani mostra come la "gelida" perfezione formale di Marutti sia stata insolitamente "riscaldata" dall'intervento "emozionale" di Verticchio, assumendo un ventaglio di sfumature molto ampio. Le influenze e le conoscenze assimilate nel corso del tempo dai due artefici riescono a rivelarsi appieno in "Opera" e, soprattutto, in "Arepo", la cui estrema dinamicità attirerà con ancora più forza l'attenzione dell'ascoltatore. Le cangianti atmosfere contenute in "Sator" svilupperanno un profondo coinvolgimento in tutti colori che fruiranno del prodotto di questo fortunato sodalizio. Sator opera tenet.
- Francesco Gemelli - Flash

Interessante progetto nato dalle menti di Andrea Marutti (Amon) e Giuseppe Verticchio (Nimh) per rispondere a modo loro all'enigma del quadrato magico "Rotas Opera Tenet Arepo Sator" costruito da cinque parole di cinque lettere che possono essere lette indifferentemente nelle quattro direzioni dei lati e che danno il titolo alle composizioni che regnano in trionfante indifferenza in questo “Sator”. Improvvisamente vi imbatterete in monoliti incentrati su drones ossessivi e dilatati fino all'estrema possibilità umana e una densità dark ambient tale da soffocare qualunque linea melodica seppure breve. Non mancano riferimenti a ritualità alchemiche e sezioni chirurgiche che rimandano alla produzione della Cold Meat Industry ma è doveroso tentare di interpretare “Sator”, i suoi echi sulfurei che delimitano sensorialmente l'ampiezza del baratro nel quale vi immergerete a fondo. Quando sarete pronti riuscirete anche a distinguere nel muro sonoro la straordinaria pioggia di lava di “'Arepo” nella quale collochiamo le speranze per un nuovo capitolo di questa collaborazione ricca di fascino.
- Divine - Vanishingbutterflies

Giuseppe Verticchio (Nimh), Andrea Marutti (Amon) composed a large variety of intuitive, dark electronic paintings. In this first collaborative project (before the birth of Hall of Mirrors), the two sound creators have returned to the primal / fundamental sources of dronescapes. Consequently, Sator musical aesthetism reveals a certain “decadent malaise”, crystallizing a dark obsessive energy in purely physical, monotonous sounds & chords. This music evokes a “perfect tranquillity” with some beautiful, carefully made progressive harmonies. The sound is clean, repetitious and static, revealing a dreamy and ambiguous atmosphere in complete isolation, in an ivory-like kingdom. The transportation from one track to an other is very subtle. No precipitation, just floating, fascinating electronic epics for electric “suspended” trancey guitars, treatments and concrete sounds. The normal time is dissolved and the aspirations of the trio (Verticchio, Marutti, Gherardi) act like a “waking dream” on the listener. In a rather ritual, symbolistical manner, these electronic exhibitions open the gates to new kind of perceptual phenomenons. The idea of duration, the state of dis-possession invoked in the conceptual / transversal perspectives of Sator broke the traditional notions of time & space in musical narration. The fourth track announces the ascension pick of this haunted musical adventure, ominously entering into a magnificent state of enlightenment (ecstatic piece for fuzzing effects, long sustained chords, hypno-guitar treats). You really going to get high with Sator. A more expanded vision of drone art.
- Philippe Blache - Progarchives

La collaborazione tra Amon (Andrea Marutti) e Nimh (Giuseppe Verticchio), prende le mosse dal quadrato del Sator, un’iscrizione - ritrovata in diversi scavi archeologici in tutta Europa - che contiene la frase palindroma “Sator Arepo Tenet Opera Rotas”: il suo significato, come la sua presenza in più luoghi, è ancora incerto e non esiste un’unica interpretazione.
Per quanto riguarda il collegamento col disco, è ipotizzabile che la circolarità della frase abbia affascinato chi con la sua musica cerca di porsi al di fuori del procedere lineare del tempo, perdendosi in loop e drone. Scherzando, si potrebbe pensare che così l’immagine per la cover era praticamente già pronta: questa volta Mauro della Eibon è stato facilitato nel compito di fornirci il consueto eccellente lavoro di packaging, anch'esso fuori dal tempo nell'era degli mp3. Sator, poiché è l’esito di un incontro tra due progetti, sembra più stratificato e composito dei dischi usciti solo a nome Amon, anche se l’impronta minimale di Andrea Marutti è del tutto riconoscibile. Chi ascolta è dunque ancora destinato a galleggiare nello spazio, ma il vuoto non sarà sempre totale, perché qui ci sono inserti rumoristici, field recordings, in più effetti creati con l’e-bow guitar, che altro non sono se non un modo differente per ottenere suoni dilatati, dunque di produrre quel senso di profondità che i due certo ricercano. Si nota inoltre quella che potrebbe essere definita una maggiore "intelligibilità" dei synth: esemplare la quarta traccia, che a metà percorso si arricchisce di una melodia quasi badalamentiana, per poi chiudersi in un crescendo noise. Amon e Nimh ci regalano uno dei migliori dischi di elettronica ambientale degli ultimi tempi, non solo di dark ambient, dato che in Sator troviamo una sorta di “cosmicità implicita”, come dice Andrea nell’intervista. Album consigliato a chiunque segua la musica elettronica.
- Fabrizio Garau - Audiodrome

Mauro Berchi con la sua Eibon Records ha sempre dimostrato grande sensibilità e grandi doti nel sapersi muovere, senza clamori ma con sagacia, nel mondo sovraffollato del dark/ambient. Come fosse una specie di Cold Meat Industry Italiana, ha saputo regalarci band come i nostrani Canaan e altre “perle” come i delicatissimi finlandesi This Empty Flow, superando anche spesso, a livello qualitativo, la stessa label svedese. Qualità appunto: questa è la parola d’ordine in casa Eibon, ed ecco quindi Amon (Andrea Marutti) e Nimh (Giuseppe Verticchio) unirsi in studio per dare vita a questo progetto, che è essenzialmente un viaggio nelle più estreme e profonde cavità dell’animo umano e dello strato terrestre. La struttura a palindromi con lettere sovrapposte che da il nome alle cinque tracce dell’album, è come non volesse regalarci spazio o soffocarci il respiro. Ma non lasciatevi ingannare dalla monolitica e minimale struttura di questo viaggio: in realtà lo spazio che i due ci regalano è tendente all’infinito e direttamente proporzionale alla nostra propensione al viaggio e all’introspezione tra droni, loop inquietanti, tappeti sonori ossessivi e tempi perennemente dilatati. Una specie di Lustmord, ma meno spaziali e più terrestri: sì, perché qui c’è odore di asfalto, di ferro, di ruggine. E chi non sa viaggiare rischia seriamente di rimanere chiuso nel cubicolo “Sator” senza poterne più uscire, esperienza che potrebbe, masochisticamente, essere perfino piacevole. C’è qualcosa di Lynchiano nella proposta sonora di Amon/Nimh; come se ci si trovasse di fronte ad una pellicola del celebre regista americano possiamo lasciarsi affascinare dalle infinite porte aperte che l’effetto spazio e l’immaginazione sanno trovare nell’apparente chiusura ossessiva di un mondo che sembra implodere. Chi ha visto la pellicola “Eraserhead” forse può avere la visione di quello che intendo: un mondo in bianco e nero, desolazione industriale e aria sulfurea. Questo è stato il mio viaggio e, con questo disco un’altra volta nel lettore, saprò percorrere altri sorprendenti territori, perché in questi 75 minuti non esiste la parola “fine” ma “riesplorazione”. Ora sta a voi. Bisogna avere sensi attenti per viaggiare con “Sator”, perché forse dietro l’angolo di un muro di una vecchia fabbrica, potreste trovarci i vostri fantasmi. Buona fortuna.
- BlackMilk - Benzoworld

“SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS”: queste cinque parole, che nel loro insieme compongono uno dei più noti palindromi della storia, costituiscono uno dei misteri provenienti da un lontano passato ancora oggi irrisolti. Sono inoltre i titoli dei cinque lunghi brani che compongono quest’album, frutto della collaborazione di due musicisti italiani: Andrea Marutti (Amon e Never Known) e Giuseppe Verticchio (Nimh, autore di numerosi CD da solo e in collaborazione con altri musicisti nonchè curatore dell’interessante sito Oltre il suono). La loro collaborazione dà vita ad un CD alquanto rarefatto, caratterizzato da un’ambient scura pur senza essere dark ambient, in quanto si tiene lontana da molti dei cliché del genere, in particolare dalle atmosfere mortifere e “negative” che lo caratterizzano. Più che orrore o inquietudine, in accordo con il quadrato magico che la ispira, la musica del duo infonde un senso di mistero, come se si trattasse di un’analisi nel profondo di un inconscio non del tutto umano, poiché nei suoni vi è qualcosa di molto concreto che li allontana dalla sfera puramente psichica. Trattandosi di una musica molto minimale, il disco non è di ascolto immediato e potrebbe non essere adatto a chi cerca sensazioni forti e spaventose; al contrario fluisce apparentemente senza malizia, intaccando, però, le apparenti certezze che caratterizzano la superficie della nostra serena esteriorità.
- Ankh - Versacrum

Il buio oltre la roccia. Raramente dischi di generi per loro stessa natura chiusi su sé stessi sanno muoversi oltre quel pur piccolo scarto che li sappia rendere in qualche modo speciali ed originali, ancor mantenendo le caratteristiche che permettono loro di restare iscritti nella nicchia del proprio genere. E la nicchia di cui parliamo qui è buia, fredda, umida ed anche piuttosto piccola. Si tratta della cripta ruvida della dark ambient, dell’isolazionismo, dei riverberi e delle frequenze basse. Questo “Sator” non sfugge agli stilemi di genere, ma nonostante questa sua in qualche modo ‘classicità’, riesce incredibilmente a operare quello scarto di cui sopra. Sarà forse la gran quantità di strumenti con cui queste basse frequenze riverberate sono create (dai synth ai modulatori di frequenze fino alle chitarre ma passando dagli strumenti etnici e non meglio identificati ‘metalli ed oggetti’), o forse per il fatto che il disco è fatto a quattro mani; diremmo a sei anzi, dato che compare anche Daniela Gherardi, compagna di Giuseppe Verticchio, che appunto con Andrea Marutti ha confezionato questo tetro e difficile lavoro. Ode a loro tre dunque (senza dimenticare Mauro Berchi di Eibon, curatore della grafica e del packaging, davvero bello), ed a tutti coloro che hanno pazienza ed orecchie per saper apprezzare le nascoste raffinatezze di prodotti del genere, che trovano forse il loro picco di qualità nella lunga (come tutte le altre, del resto) traccia Arepo, in cui le sotterranee melodie di synth sanno perfino dare un tono di celata dolcezza ad una musica piacevolmente ipnotica, greve e lentissima. Per tutti coloro che già apprezzano i lavori di Amon o Nimh in solo, un disco assolutamente imperdibile; per coloro che per la prima volta nella loro vita volessero accostarsi a questo genere, forse l’occasione buona; per i fan sfegatati dei Negramaro, la tortura che gli augurerei se oggi non mi fossi svegliato di buon umore.
- Matteo Uggeri - Sands Zine

I misteri del quadrato magico. Andrea Marutti è considerato ormai da anni un punto di riferimento nell’ambiente della sperimentazione elettronica in Italia. Con la sua etichetta Afe Records produce talentuosi emergenti ma anche affermati manipolatori del suono nostrani. Tra i suoi vari progetti, Amon è uno dei più datati e tra quelli che hanno suscitato sempre maggiore interesse, grazie ad un velo di sotteso mistero che aleggia nella sua (non) musica. Nimh invece risponde al nome del romano Giuseppe Verticchio e ha dalla sua parte già diverse pubblicazioni a carattere sperimentale e dark ambient.
La collaborazione tra i due artisti verte, come si può notare già dalla copertina del digipak ottimamente curato da Mauro Berchi, sulla messa “in suoni” del quadrato magico romano, ovverosia cinque parole palindrome che posizionate una sotto l’altra formano un quadrato di cinque per cinque lettere, leggibile alternativamente da sinistra a destra e viceversa per ciascuna riga, nonché dall’alto verso il basso e viceversa per ciascuna colonna. Ovviamente le cinque lunghe tracce che compongono il lavoro portano i nomi delle cinque parole che formano il quadrato, lette dal basso verso l’alto: Rotas, Opera, Tenet, Arepo, Sator. Musicalmente la collaborazione si articola nell’esecuzione e nel montaggio dei suoni da parte di entrambi gli artisti, assieme e senza alternanze. In tre occasioni interviene in supporto anche il lavoro di Daniela Gherardi, che impreziosisce i brani suonando oggetti metallici e di vario tipo in Opera, l’e-bow guitar in Arepo e lavorando sul pitch shit e sulla generazione dell’audio. In generale, le sonorità si sviluppano su d’un canovaccio decisamente minimale. Ma qui, a differenza di altri lavori sotto il progetto Amon, non si punta a giocare esclusivamente sulle micro-variazioni: le folate di drones e i persistenti field recording sono affiancati da elaborati campionamenti ed effetti (come il ring modulator), nonché da interventi di percussioni e strumentazione elettronica e non di varia natura (la già citata e-bow guitar, un particolare modello di zither russo). Le sonorità cercato non sono meno misteriose del significato del quadrato magico stesso che rappresentano. L’ascolto è come un viaggio dentro le voragini della terra, con suoni che rimbombano e si amplificano minacciosi fino alle volte di una grandiosa cava di tufo, riempita di un’atmosfera scura che sa di muffa. L’imperscrutabilità del soggetto si riflette nell’oscurità sonora, ricreando ambientazioni che possono esulare dalla mera esperienza uditiva. Una collaborazione quanto mai preziosa, che spicca nel panorama dark ambient e sperimentale italiano, e non solo per la caratura dei nomi in gioco. Se volete cimentarvi nell’ascolto di questo “sotto-genere” così prolifico, questo è un buon punto di partenza. Ma non cercate coordinate o punti cardinali: entrati in questo mondo non ne troverete, così come non si possono trovare all’interno di un quadrato magico.
- Davide Buzzoni - Soundmarkzine

Five good reasons why ‘Sator’ is an essential purchase for your record collection:
Reason 01: Eibon Record label. That long established, and held in highest regard, label with a highly diverse back catalogue of releases that spans many musical genres and tastes. A label that has never been afraid to take risks with their releases and whose attitude to music in general is like a breath of fresh air.
Reason 02: Amon. Better known as the Italian artist Andrea Marutti. This guy is something of a legend within the dark ambient scene. His recordings as Amon and Never Known have been wowing people ever since he released his first works back in 1994. ‘Twilight's Last Gleaming’ and ‘The Legacy’ are two of the greatest recordings that capture the imagination of the artist in full flow.
Reason 03: NIMH. Giuseppe Verticchio’s project. Another Italian artist, lesser known to these ears, but whose contribution to this release adds a certain dynamistic twist to the musical sound sculptures. He works within the electro-ethnic-acoustic-ambient spheres and he brings a vitality, a spark of ingenuity, to ‘Sator’ that shouldn’t be underestimated.
Reason 04: A collaboration between artists. Sometimes they work. Sometimes they don’t. The success of such a recording depends upon both artists having a harmony and understanding of each others previous work and melding together to become as one with each other. ‘Sator’ is an example of how ideas that are bounced back and forth in a creative frenzy can cumulate in a piece of music nothing short of breath taking. Having the additional help of another accredited artist of renown, namely Daniela Gherardi, on three of the tracks doesn’t hurt the cause either.
Reason 05: Dark Ambient music. Of all the genres of music Dark Ambient, when played skilfully, is the most emotive, engrossing and atmospheric experience you’ll ever likely to listen to or lose yourself in. When it hits the sweet spot there’s nothing that can compare to the aural euphoria it produces. ‘Sator’ is a prime example of Dark Ambience at its best and most innovative.
Five reasons for buying this recording. Five tracks on the recording. A pattern emerges within the reviewers thought processes. ‘Sator’ is a recording of great depth and hidden questions which the listener is forced to answer for themselves. Constructed and pieced together by the usual assortment of musical instruments so beloved of Ambient artists, with the addition of field recordings, metals, e-bow guitars and other unusual elements, the tracks are given the space to fully develop their intricate patterns. I personally prefer this form of music to have a 10 - 19 minutes running time per track as it allows the music to fully draw itself into the subconscious and remain there etched upon the memory. All of the music on ‘Sator’ falls within this timeframe and is all the better for it. The elongated pieces slowly form and shape plunging the listener into the darkest of depths, with lashings of reverb and copious amounts of delays heightening the taut resonance’s that abound, and all the while the subterranean feel is expended and brought to life. Submerged inside these claustrophobic atmospheres shards of light occasionally burst forth illuminating the passages briefly before slowly giving into to the prevailing oppressive darkness. The noise of a swirling mass and hard to discern voice evoking this truly isolationist experience. The use of strange crackling sounds and bells (?) are not out of place but conjure up further thoughts of an ultimate inherent dread that befalls us all at one time or another. Time stands still and becomes irrelevant as you drift along to the music lost in your own thoughts.
Which is why this release is so essential. The purity of the sound sculptures aren’t tainted by unwanted melodic histrionics. Instead the music grabs your attention from the off and takes you on this long dark trip to the hither regions of the repressed areas of your mind. Spellbinding, without a doubt, and warranting your undivided attention this is another classic release served up by these Italian artists and record label. The reasons for its purchase are laid bare above.
- Alan Milne - Heathenharvest

Originalissimo progetto questo di Amon/Nimh, di cui non ci è dato molto sapere, se non che il lavoro in questione è stato registrato agli inizi del 2006 e che hanno contribuito alla sua realizzazione tre elementi, Andrea Marutti, Giuseppe Verticchio e Daniela Gherardi; tutti dediti all'uso del synth, degli effetti, samples, e-bow guitar e montaggio audio. Che questo sia un progetto al di fuori dei canoni prestabiliti lo si evince sin da subito, già dalla copertina, tetra, cupa, arcaica, circondata da un sinistro alone di mistero, con queste parole scolpite nella pietra, in modo non uniforme, come a voler richiamare antiche incisioni, oscuri dettami; apri il cartonato e ti trovi dinanzi ad un enorme muro circolare, quasi una rupe, una diga, qualcosa che ti impedisce il cammino, che limita ogni tuo movimento, che frena ogni slancio e ti costringe a pensare, a rinchiuderti in te stesso, raccogliere ogni tua convinzione, ogni tua idea per riconsiderare il tutto, porlo sul piatto e ripartire da capo.
Cinque lunghe tracce compongono questo lavoro, brani che crescono lentamente, partendo da molto lontano per poi pian, piano arrivare a sfiorarti, passarti vicino, quasi a volerti toccare e coinvolgere, senza mai farlo però, sviluppandosi in maniera distaccata, lontana ma allo stesso tempo coinvolgente ed avvolgente. Sei lì sulla tua poltrona, la luce soffusa ti aiuta nell'ascolto,( come da sempre ), ed eccoti proiettato nello spazio più profondo, dove le tenebre la fanno da padrone ed anche le stelle più luminose sembrano così infinitamente lontane; sei lì sospeso nel vuoto, nel nulla, senza nessun appiglio, galleggi in questa immobile immensità senza tempo e senza spazio; ed ecco che da lontano un piccolo punto luminoso sembra farsi strada tra il niente, si avvicina velocemente acquistando sempre maggior grandezza e volume, man mano che la forma prende corpo e si delinea, ti rendi conto di trovarti di fronte ad una immensa astronave, gigantesca, immane, dalla forma oblunga, eterea, che comincia a passarti vicino, accanto e non finisce mai, più ti guardi dietro e più sembra non aver fine, pochi i rumori di fondo, se non un lieve sibilo di vento, semplici vibrazioni sonore, sinistri cigolii che annunciano il suo passaggio; lentamente ti sfiora, allunghi la mano per toccare, per renderti conto, per capire, ma non riesci nemmeno lontanamente ad avvicinarti ad essa, il concetto di spazio e di tempo non ha più nessuna importanza, pochi metri divengono chilometri e viceversa; ne sei completamente affascinato, incuriosito, ogni tuo pensiero non è niente dinanzi a tutto questo, un qualcosa che non avresti mai potuto immaginare; così come velocemente è arrivata, ecco che allo stesso modo si allontana, lasciando dietro a se una scia carica di effetti, di suoni quasi impercettibili, dalla fredda percezione e ricchi di echi metallici; il silenzio profondo riprende quindi il sopravvento, riacquista tutta la sua forza e di nuovo ti avvolge.
Allora apri gli occhi e ti accorgi di non esserti mai mosso dalla tua stanza, la poltrona è sempre lì, così come il tuo corpo e tutte le tue cose; pochi attimi perché nuovamente la tua mente ricomincia a viaggiare, abbandona di nuovo il mondo conosciuto per immergersi questa volta nelle profonde immensità oceaniche; la pressione dell'acqua sembra non scalfirti minimamente, percepisci il buio intorno a te, ma stranamente ti è facile osservare intorno, ed allora esseri stranissimi prendono forma, non sai come chiamarli, non hai mai visto niente di simile, come possono resistere a tali profondità, come possono cibarsi, difendersi, attaccare immersi in questa millenaria oscurità, non ti è dato sapere, non ci sono risposte, ma non ne senti il bisogno, tutto è naturale, ovvio, come se lo avessi già vissuto, in un'altra vita magari, in un'altra epoca, ti stupisci, la curiosità prende corpo in te, ma non per ricevere completa risposta, solo per renderti cosciente delle tue capacità, del tuo modo di essere, per riuscire ad apprezzare di nuovo quello che ti circonda, dando di nuovo ad ogni cosa il giusto peso e la giusta misura; stai cominciando ad immedesimarti con il tutto quando vieni scaraventato fuori dalle acque, sulla spiaggia; sei di nuovo libero, riesci nuovamente a respirare, ma il senso di vuoto e di solitudine ti atterriscono a tal punto da voler tornare indietro ad ogni costo. Sensazioni stranissime. Ecco, penso di aver descritto nella maniera più consona cosa riesce a provare l'ascoltatore, in questo caso io, quando decide di entrare nel mondo di Amon/Nimh; un mondo fatto di suoni senza peso, galleggianti, avvolgenti, rumori continui, effetti metallici, lunghi feedback, con un costante tappeto sonoro di fondo, atto a coinvolgerti, prenderti, in qualche caso rapirti; una ben delineata miscela sonora che riesce lentamente a straniarti dal mondo reale, trasportandoti e facendoti vivere cose che solo nella tua mente e nei tuoi più profondi pensieri potevi immaginare; ed ecco che per tutta la durata del Cd riesci a dimenticare tutto il fragore del vivere quotidiano, tutti i brutti pensieri, le cattive situazioni, le immancabili routine, riprendendo veramente coscienza di te, attraverso questa esperienza oserei dire quasi trascendentale. Sicuramente originale, straniante e nettamente individuale. Non è un lavoro questo adatto a tutti, per la massa, bisogna avvicinarsi ad esso con una certa circospezione, cautela, ed aver la voglia di vivere certe sensazioni, senza limitarsi all'ovvio ed al palese, altrimenti correremmo il rischio di catalogare i nostri troppo velocemente ed in maniera sbrigativa. La particolarità certamente non avrà alcun riscontro commerciale, ma penso che questi tre ragazzi abbiano ben in mente dove voler arrivare. "Sator" non rientrerà tra i miei ascolti preferiti, il genere stesso non mi coinvolge notevolmente, ma ogni tanto il fuggire da tutto, anche se per brevi momenti, mi ridarà una gran carica interiore e mi renderà sereno. Non tutti riescono in questo, Amon/Nimh sì. Dovessi dare un voto prendendo in considerazione il solo lato musicale mi troverei in netta difficoltà; se invece dovessero contare in maggior maniera le sensazioni provate durante l'ascolto allora propenderei per un voto abbastanza alto. Pur apprezzando il lavoro in questione, pur riconoscendo loro gran coraggio ed originalità è pur sempre la musica la cosa più importante, questo non va mai dimenticato.
- Pasa - Shapelesszine


I have been withholding my review of this 2007, Nimh & Amon´s release which mirror title goes by the name of "SATOR". To be honest it was a draw between 4 or 5 stars, never below that. I knew I was listening to a masterpiece, my only reluctance to emit my vote, had to do mostly with its date of release.
By 2007, a lot had happened to electronic music in general, in all its namings. So the "groundbreaking" adjective, has raised its bars, at the speed of light, in this genre´s enormous possibilities. As a result of that, well, I can´t escape finding some not that groundbreaking close references in this noise/environmental/drone/acoustic/electronic music, way of composing and performing. Which certainly did not started in 2007.
As opposed to that fact, It is impossible not to sense the polished perfection achieved in each of the elements involved in this kind of highly and sadly, underground songwriting expression. SATOR, as a 5 section project, complies with all what the few expect from this kind of exercises.
But far beyond that , their fearless approach to beauty, the same as its alienated spectre, whatever way you want to call it , is in itself quiet UNIQUE, in its very personal and uncompromising way, they do create simultaneously both sides of the coin, like life on earth. The same as dark menacing spaces coexist among the universal brights and the half glasses of water.
Inhumanly human, but hospitable enough to give you space to dwell and testify. Whatever, no unpleasant surprises, (or, this is why this is considered art not life), and opposite to that, impeccable all way through!
- admireArt - Progarchives


Potente split album dato dall’unione di Amon, progetto che fa capo ad Andrea Marutti e Nimh, creatura di Giuseppe Verticchio questo è una vera e propria vertigine dark ambient dall’enorme qualità musicale: innanzi tutto per la colossalità delle bande di suono che si rincorrono nei brani proposti, capaci di evocare in più parti i soundscapes di frippiana memoria, ma anche per la varietà dei suoni proposti, un campionario che va dalle ovvie sonorità elettroniche ai ring modulators, sino agli interventi suonati di strumenti come l’e-bow guitar e zither, in una alchimia sonora che non sfocia mai nel calligrafismo etnico, mantenendo la sua qualità di profonda, abissale, perscrutazione negli abissi del suono e della psiche.
Per capacità evocativa sembra quasi un aggiornamento di quanto proposto dal duo Cosentino-Di Martino con “TV Dinner”.
Cinque composizioni che rappresentano altrettanti viaggi nella Terra Cava del nostro inconscio.
- Antonello Cresti - Solchi Sperimentali Italia