Contacts Links Photos Interviews Discography Biography Home


[ Recensioni / Reviews ]

TWIST OF FATE: Tales from a Parallel Universe (CD 2014 - GS Productions)


Al di là di ogni retorica, quello della sperimentazione ambientale è a volte veramente un universo parallelo, non soltanto rispetto a musica in un certo senso più “canonica”, ma anche rispetto ai segmenti del suo stesso territorio espressivo che costituiscono “scene” più o meno definite e seguite con attenzione.
Quello di Giuseppe Verticchio, che da anni conduce la propria ricerca sonora sotto l’alias Nimh, è un universo ormai consolidato nella conformazione di un profilo caratterizzato da una pluralità di linguaggi, che negli anni ha lambito la musica industriale e l’isolazionismo, includendo nella propria tavolozza anche elementi etnici ed acustici.
Twist Of Fate è il nuovo progetto intrapreso di recente dal poliedrico artista romano, che lo vede accanto a Daniela Gherardi (violino, effetti, synth) nella narrazione di avventure sonore in grado, appunto, di trasportare in una diversa dimensione. Quella di “Tales From A Parallel Universe” è una dimensione identificata fin dall’inizio come frutto del binomio tra luce e buio (“Lost In Darkness”), nella quale maestose coltri distorsive disegnano atmosfere senz’altro oscure ma spiccatamente ariose, niente affatto opprimenti. A tale breve premessa, il lavoro tiene fede, bilanciando chitarre effettate, field recordings, synth e manipolazioni digitali con il cuore pulsante di una tavolozza sonora dallo spiccato calore umano.
Anche nei passaggi più solitari e increspati (“Under An Electric Sky”, “Walking Along The Railway”), ricorre sempre un contenuto in qualche misura morbido ed evocativo, persino romantico, alimentato dal violino della Gherardi che funge ad esempio da mirabile contrappunto dei riverberi della sinfonia elettrica in miniatura “Disclosing An Unexpected Universe” (quasi dieci minuti). La dimensione umana del progetto Twist Of Fate si fa ancor più evidente nelle fragili filigrane arpeggiate di “Footprints In The White Sand” e “Back Pages”, fino a sublimarsi nella gentilezza incantata di “A Spring Afternoon Amid The Trees” e nella nostalgia ambientale della conclusiva “Returning Home”, un ritorno con i piedi sulla terra, ma con il cuore ancora a mezz’aria, da un itinerario sonoro alieno che sintetizza in maniera pregevole ricerca concettuale e coinvolgente resa espressiva.
- Raffaello Russo - Music Won’t Save You

Quando un artista affermato in un certo ambito si cimenta su territori sonori differenti di solito si parla di sperimentazione o riciclaggio. In questo caso non è possibile perché se è vero che 'Tales From A Parallel Universe' distoglie l'attenzione sulle uscite precedenti di Nimh è altrettanto vero che di sperimentazione qui ce n'è molta poca. Con i Twist Of Fate, formati insieme alla moglie Daniela Gherardi, Giuseppe Verticchio si è infatti rivolto ad una struttura compositiva più standard con basi di chitarra acustica impreziosite dal violino e sezioni dark ambient costruite su synth e field recordings. Non viene inoltre riciclato niente. Al contrario alcuni passaggi segnano una lettura mai banale di quello che il panorama shoegaze e post rock ha saputo proporre nell'ultimo decennio. L'incedere spirituale dei brani crea una sorta di rituale magnetico spezzato talvolta da soluzioni folk semplici ma efficaci. 'Disclosing An Unexpected Universe' e 'Walking Along The Railway' spiccano in una scaletta che alterna momenti di luce ed altri in cui la foschia rivela le amene rovine di un castello diroccato oppure un orizzonte nebuloso. I drone di 'Under An Electric Sky' sono a cura di Davide Del Col ed il digipack a è limitato a sole cento copie quindi affrettatevi.
- Lorenzo Becciani “Divine” - Dagheisha

Giuseppe Verticchio (aka Nimh) has made a solid reputation in the world of (post) industrial experimentalism with a bunch of well noted releases published on Silentes, Eibon and Rage in Eden.
Structured and developed under the moniker of Nimh his musical production oscillates between abstract droning shimmer, ethno-ritual sound motifs and transcendental noises.
Twist of Fate is his new born project and duet which features the presence of Daniela Gherardi on violin and various electronic effects.
The duo delivers here their first release published on the independent, underground music label and distributor GS Productions. If a few Nimh albums occasionally infused intense melodious vibes in the original sound architecture, this new project brings to the fore the melodic technique around the repetition of small phrases.
However Twist of Fate is not a complete Tabula rasa of previous stylistic experiences acquired as Nimh, we can distinguish and appreciate a certain continuity in a track such as the opening theme with its densely vibrant dark droney air.
The listener progressively navigates through more ethereal, fragile and remarkably dreamy atmospheric pieces built around acoustic guitar’s micro-tonal textures and processed electronic sounds.
This album can be largely appreciated as a tremendous guitar ambient release but the result includes much more variety with some delicate melodious interludes which provide to the ensemble an almost minimalist glitch dimension.
“Disclosing an unexpected universe” is an enchanting and enveloping smoothly track with a subtly dark droning line and detached guitar arpeggios, revealing a powerful dreamy cinematic tendency. This is quite a puzzling piece of “sound art.” Tracks such as “Footprints in the white sand” or the closing “Returning home” represent the softer sonic facet of this musical adventure with simple and meditatively impressionistic guitar tricks, almost shoegazy and imaginatively conceived instrumental tracks.
Tales From A Parallel Universe is a mysteriously evocative and nostalgic dreamlike ambient album which shows an other original and interesting facet of Giuseppe Verticchio’s compositional aptitudes.
Tales From A Parallel Universe is available on GS Productions.
- Philippe Blache - Igloomag

I can't constrain my admiration, listening this masterpiece..." - in such words I want to begin the review of the album "The Tales From A Parallel Universe" by Italians The Twist of Fate. This project was formed in 2014 by the multi-instrumentalist and the producer famous in his environment Giuseppe Verticchio together with Daniela Gherardi which enriched a sound with a violin.
Musical material of this release undoubtedly is very unusual and mysterious structure which keeps on a basis that consists from the atmosphere, mood, feelings. It is very difficult to determine this music under frameworks of any genre. Simplicity and an unusual tranquillity open in this creation the infinite horizon for a flight of fancy and soul to worlds where the reality disappears and begin other Universes - dwellings of otherworldly beings . In it essentially other space the consciousness goes beyond the conceiving reason and secret of the Universe slightly open the veil in a resonance with aura of the nature, immersing in depths of the arising processes of life and infinity...
New and in addition the first album of this extraordinary musical collective specializing on "field's" records, various sound processings, distortions of guitar signals won't leave indifferent admirers of the atmosphere in Lustmord's style. As it becomes clear from all aforesaid, the delightful work focused on a drone/ambient's wave, hocused by booming and deep passages in which the pacification and ease are replaced by the gloomy intonations which are giving rise in the mind indistinct outlines of dark forest landscapes that can't reach any ray of sunlight. The lingering echo of the diverse background rustling with a stream of infinite splashes, buzzes, rustles, crashes creates a volume panorama from harmony and at the same time a low-frequency dissonance. This gloomy palette is rich with uncountable quantity of shades of carefully processed sound and difficult designs, and the repeating arrangements set to music the certain specificity peculiar for a genre dark-ambient's hint on folklore motives.
Giuseppe Verticchio and Daniela Gherardi took a confident step towards development of the next project against the main projects making frame of the Italian scene of dark-ambient. Their music can be related with the personal experiences because it is impossibly to be not penetrated by these charming melodies of boundless and silent grief and mysterious beauty of mystical phantasmagorias. Guitar's passages in the foreground, the almost inaudible violin, the aloof background atmosphere are capable to describe all it to describe a picture to trifles. In general this work is caught on one breath where each musical course literally takes, everything is farther carrying away in the sacral depths generated by it.
- Victoria Polshina - Artmania Journal

Binari, probabilmente fuori uso, immersi nella selvaggina naturale. Una curva che rappresenta la porta della scoperta, della ricerca. L’artwork racconta questa storia, un punto di vista di qualcuno che si sta immergendo in una realtà di cui è poco consapevole. Tales From a Parallel Universe, titolo dell’album di debutto dei Twist of Fate, sembra proprio voler condurre l’ascoltatore in questa esperienza.
II progetto è frutto della collaborazione fra Giuseppe Verticchio, musicista e compositore romano conosciuto con il moniker Nimh e per le sue numerose collaborazioni tra cui quella con Day Before Us/Philippe Blache (di cui vi abbiamo parlato recentemente), e sua moglie Daniela Gherardi (violino, effetti, sintetizzatore).
Le otto tracce risultano un’esplorazione variegata del concetto di elettroacustica. Infatti ritroviamo l’approccio melodico ed etereo di “A Spring Afternoon Amid the Trees” e la malinconia armonica di “Footprints in the White Sand” e all’opposto c’è la ruvidità di “Lost in Darkness“, la tensione crescente di brani come “Walking Along the Railway” (con il rumorismo che prende il sopravvento) e lo sgretolamento costante della linea sonora in “Returning Home“.
”Disclosing an Unexpected Universe” penso che sia il brano più completo e che metta in risalto la loro puntualità tecnica con le trame intrecciate che creano efficaci contrasti emotivi.
La forza di questo disco, oltre al discorso tecnico, sta nel racconto: le linee sonore diventano voce narrante, assumono un aspetto visivo che rafforza l’efficacia della composizione che oltrepassa l’aspetto monodimensionale di un certo tipo di musica.
- Nicola Orlandino - Son of Marketing

Twist of Fate è il nuovo progetto di Giuseppe Verticchio. Un astratto duetto, in realtà, che unisce, alle sue chitarre mistiche, acustiche ed elettriche anche la partecipazione eterea di Daniela Gherardi, al violino e ai sintetizzatori. "Tales From a Parallel Universe" è stato registrato nel 2014 e pubblicato dall'etichetta russa GSP poco prima della fine dello stesso anno in una ridicola edizione di 100 copie.
Il disco è una ragnatela di atmosfere che conduce verso un "universo inaspettato". Ascoltato di notte, tra i sentieri di un bosco, è perfetto. Un viaggio intimista nei muschi dei nostri silenzi. Un percorso, quasi a ritroso, nelle caverne della nostra memoria. Nei nidi di roccia dei nostri circuiti neurali. “Lost in Darkness” è un tappeto ovattato di armonici riverberanti, una porta che si apre verso una dimensione eterea ed elettrica allo stesso tempo. Quasi senza soluzione di continuità parte “Disclosing an Unexpected Universe”: gli arpeggi di chitarra sembrano arrivare da lontano fino a farsi sempre più consistenti; un rito che celebra la terra, il fuoco, l'aria, l'acqua. E' una danza lenta e rituale. Rarefatta. Sommessa. Lieve. Un respiro risuona nelle trasparenze.
Con movimenti lenti, calibrati con i riflessi delle ciglia, i due Twist Of Fate costruiscono fraseggi che sembrano parlare la lingua della natura. “Footprints in the White Sand” sembra una ninna nanna per libellule. L'acqua canta in tutte le sue forme più delicate. Una pioggia lieve. La spuma del mare. Una goccia di rugiada. La brina su foglie e conchiglie.
“Walking Along the Railway” è un blues siderale alla Windy & Carl che nasconde un arpeggio folk dietro montagne di romanticissimo feedback alla Slowdive.
Il disco si chiude con una ballata meravigliosa, “Returning Home”. Quasi una versione ambient della famosa preghiera laica di Josh Haden che chiudeva il primo imperdibile album degli Spain (e ripresa anche dal padre in un celebrato disco registrato con Pat Metheny). Un bagno di sospiri elettronici, morbidi, tenui. Che lasciano impronte soffuse. Oniriche. Un cammino nei drone immaginifici di Giuseppe Verticchio. Che forse, un giorno, riconosceremo come profeta dei quarzi sonori. O poeta dei silenzi. O semplicemente un artista minimale devoto alle alchimie degli elementi.
- Roberto Mandolini - Onda Rock


Tra gli altri lavori proposti da Verticchio colpisce in particolar modo “Tales from a Parallel Universe”, una collaborazione con la moglie Daniela Gherardi (violino, sintetizzatori), in cui suoni elettrici, acustici ed elettronici contribuiscono a dipingere scenari onirici, nascondendo tra le trame delle composizioni riferimenti al folk, alla darkwave e ad altri universi sonori non immediatamente percepibili.
- Antonello Cresti - Solchi Sperimentali Italia